Login

Sign Up

After creating an account, you'll be able to track your payment status, track the confirmation and you can also rate the tour after you finished the tour.
Username*
Password*
Confirm Password*
First Name*
Last Name*
Email*
Phone*
Country*
* Creating an account means you're okay with our Terms of Service and Privacy Statement.

Already a member?

Login

Login

Sign Up

After creating an account, you'll be able to track your payment status, track the confirmation and you can also rate the tour after you finished the tour.
Username*
Password*
Confirm Password*
First Name*
Last Name*
Email*
Phone*
Country*
* Creating an account means you're okay with our Terms of Service and Privacy Statement.

Already a member?

Login

I tesori dell’Armenia

0
Partenze garantite 2 pax
Da€522
Partenze garantite 2 pax
Da€522
Nome*
Email*
Messaggio*
Lista desideri

Adding item to wishlist requires an account

154

Guarda i tour

Sri Lanka, l’isola della serendipità

Uzbekistan: Sulle Tracce di Tamerlano

Sierra Leone – Solidarity tour

Montenegro “Bellezza selvaggia“

COSTA RICA – Un gioiello della natura

Primavera 2019 in Kirghizistan

LA TERRA DEI MAHARAJAH

7 giorni
Disponibilità: da Marzo ad Ottobre
Roma e Milano
Yerevan - Armenia
Min Age : 7
Dettagli del tour

 La cultura armena e il suo contributo alla cultura mondiale sono impressionanti! L’Armenia è giustamente chiamata la culla della civiltà. Non esiste un paese al mondo, per il quale la pietra significherebbe di più: fin dall’antichità l’Armenia aveva famosi maestri dell’architettura, della scultura e della scultura in pietra. I kacheca di Lacy – le pietre incrociate, sono diventati il ​​simbolo dell’Armenia cristiana, un paese creato da Dio in pietra, che ha dotato di anima e si è trasformato in un fiore meraviglioso. Le pietre incrociate divennero il simbolo della vittoria di Cristo sulla morte e resurrezione e rinascita dell’Armenia, la vittoria del bene sul male, la vittoria della forza d’amore sulle armi. Nei monasteri dell’Armenia si possono osservare pietre incrociate uniche. In Armenia sono stati curvati per secoli. Particolarmente belli sono i campioni di curviture dei maestri Momik e Vartan. Le tradizioni della musica armena hanno le loro radici nell’antichità, con le sue danze autentiche, le dolci canzoni di Sayat-Nova, Sherami, Jivani e altri menestrelli e bellissimi inni della chiesa – sharakans. La più grande musica del compositore armeno Komitas è piena di tale energia spirituale che sembra impossibile da tradurre nelle note musicali. Commovente e meravigliosa è la musica sacra di Makar Yekmalyan. Opere e balletti di Aram Khachaturian, Armen Tigranian Alexander Spendiaryan sono di straordinaria bellezza. 

Programma delle partenze

  • 31 Marzo – 06 Aprile 2019
  • 28 Aprile – 04 Maggio 2019
  • 12 Maggio – 18 Maggio 2019 ---- 26 Maggio – 01 Giugno 2019
  • 02 Giugno – 08 Giugno 2019 ---- 16 Giugno – 22 Giugno 2019 ------ 30 Giugno – 06 Luglio 2019
  • 14 Luglio – 20 Luglio 2019 ----- 28 Luglio – 03 Agosto 2019
  • 22 Settembre - 28 Settembre 2019
  • 06 Ottobre – 12 Ottobre 2019

Partenza da

Orario di partenza

Il prezzo include

  • Organizzazione e direzione tecnica
  • Trasferimento aeroporto/albergo/aeroporto, trasporto con A/C a seconda il programma
  • Servizi guida parlante l’italiano
  • Ingressi e guide locali nei musei, acqua in macchina/minibus/bus.
  • 6 Pernottamenti in camera doppia, 3 pranzi
  • Sostegno per progetti visitati.

Non incluso

  • Volo aereo
  • Bevande extra oltre all’acqua (per pranzi e cene)
  • Le visite facoltative
  • Polizza assicurativa di viaggio medico-bagaglio;
  • Eventuali spese personali, facchinaggio e mance
  • Tutto ciò non espressamente indicato ne’ “La quota comprende”.
Prezzo del viaggio

  Il prezzo a persona a partire da:

522 euro (minimo 2 persone)

Le quote sono quindi soggette a riconferma al momento della prenotazione

Modalità di viaggio

Chi decide di partire per un viaggio del genere oltre a divertirsi e visitare luoghi poco convenzionali è desideroso di fare un’esperienza che lo possa arricchire.

Oltre ad essere un turista sincero, il viaggiatore dovrà anche essere dotato di un certo spirito di collaborazione.

Un viaggio che consigliamo a tutti, anche a famiglie con bambini.

Informazioni utili

 Documentazione necessaria per l’ingresso nel Paese
Passaporto: necessario e con una validità residua non inferiore al periodo di permanenza in Armenia, che non può essere superiore a 180 giorni.
Si consiglia di rivolgersi, prima di effettuare il viaggio, all’Ambasciata della Repubblica di Armenia in Italia (http://italy.mfa.am/it/) o al proprio agente di viaggio.

Viaggi all’estero dei minori: si consiglia di consultare l’”Approfondimento”: “Prima di partire – Documenti per viaggi all’estero di minori” sulla home page di questo sito.

Visto di ingresso:  dal 10 gennaio 2013 i cittadini dell’UE e dei Paesi non UE aderenti all’area Schengen possono entrare in territorio armeno senza visto per un periodo massimo di 180 giorni nell’arco di dodici mesi. Per le altre tipologie di ingresso, si raccomanda di rivolgersi alle competenti Rappresentanze Diplomatiche-Consolari.

Clima In ArmeniaSituata tra 380 e 4090 m sul livello del mare, l’Armenia è un paese con otto zone geografiche, sette zone climatiche, circa la metà delle specie di piante del Transcaucasus e quasi i due terzi di tutte le specie di uccelli presenti in Europa. Circa il 90% del territorio dell’Armenia si trova sulle montagne all’altezza di 1000 m sul livello del mare e più in alto, che fanno parte dell’altopiano armeno. La valle di Ararat ha un clima continentale rigido e asciutto con notevoli differenze nelle temperature diurne e notturne. Qui le estati sono calde, e gli inverni sono piuttosto freddi, con quasi nessuna precipitazione. A luglio la temperatura supera i 40 ° C, e in gennaio scende sotto il -10 ° C. Nelle zone boschive del paese il clima è moderatamente caldo e umido con estati e inverni miti. Le regioni montuose dell’Armenia sono caratterizzate da un clima moderatamente freddo con inverni piuttosto rigidi ed estati fresche. Le precipitazioni si osservano principalmente in primavera e all’inizio dell’estate. La maggior parte delle marze umide dell’Armenia sono Lori, Tavush e Syunik. Le aree di media montagna e le pianure della parte centrale dell’Armenia sono per lo più in zone climatiche moderate e moderatamente aride. La zona più meridionale vicino a Meghri e la zona nord-orientale intorno a Noyemberyan si trovano nella zona sub-tropicale.

Moneta

La valuta nazionale dell’Armenia è dram (AMD). Le banconote sono emesse in tagli da 1000, 5000, 10000, 20000, 50000, 100000. Le monete sono emesse in tagli da 10, 20, 50, 100, 200 e 500. Per i tassi di cambio, consultare il sito Web della Banca centrale armena: www.cba .am . Le carte di credito sono accettate nella maggior parte dei negozi e hotel di Yerevan. Le banconote estere possono essere facilmente scambiate presso numerosi uffici di cambio e banche a Erevan e in altre città dell’Armenia. Grandi supermercati come “SAS” hanno anche un ufficio di cambio valuta attivo 24 ore su 24.

Sicurezza

L’Armenia è uno dei paesi più sicuri della CSI con un basso tasso di criminalità. I turisti sono sicuri di viaggiare in tutto il paese e camminare per le strade di Yerevan in qualsiasi momento del giorno e della notte. L’unico motivo di preoccupazione è il traffico: i visitatori sono fortemente incoraggiati a prestare molta attenzione quando attraversano le strade, anche a luci verdi.

 

Itinerario di viaggio

Giorno 1Italia/Armenia

Giorno 2Yerevan/Miniature armene e Cognac armeno

Colazione/Pranzo/ – /
Accoglienza all’aeroporto internazionale ‘’Zvartnots’’, trasferimento, sistemazione e riposo in albergo. Oggi ci sarà il giro panoramico della città di Yerevan, capitale dell’Armenia. Scoperta della città di Yerevan, capitale dell’Armenia. Visita guidata dei luoghi di particolare rilievo di Yerevan: Teatro dell’Opera e del Balletto, Madre Armenia, Cascade, Chiesa di St. Katoghike del XIII° secolo, Matenadaran, Istituto dei manoscritti antichi (include più di 17.000 manoscritti antichi, ma anche archivi e documenti diplomatici dal XIV° al XIX° secolo), Mercato Coperto che brilla con la varietà di frutta e verdure, Tsitsernakaberd, memoriale e museo del Genocidio degli Armeni del 1915.
Opzione facoltativa: visita e degustazione del pregiatissimo cognac armeno nella distilleria di Ararat a Yerevan (ad extra pagamento di 10 euro a persona).
Pernottamento e cena libera a Yerevan.

Giorno 3All’ombra del Monte Ararat

Colazione/Pranzo/ – /
La mattina partenza verso Il monastero di Khor Virap risale dal IV al XVIIº secolo ove a seconda della leggenda fu imprigionato per 13 anni San Gregorio l’Illuminatore, il primo catholicos di Tutti gli Armeni, che predicò il cristianesimo in Armenia e il popolo armeno adottò la fede cristiana nel 301. Dal monastero si apre una stupenda veduta sul Monte Ararat. Dopo la visita al monastero Khor Virap si prosegue verso il monastero di Noravank, che è molto particolare sia per la scelta del luogo che dal punto di vista archittetonica. Il comlesso monastico sorge in una cima, in totale isolamento, un ambiente aspro e roccioso, ma insieme grandioso e solenne.
Pranzo e degustazione del vino locale da una famiglia ad Areni (prodotto da loro stessi), paese famoso per la produzione del vino.
Rientro a Yerevan, cena libera, pernottamento.

Giorno 4La ‘’Regina Blu’’ dell’altopiano armeno e la ‘’perla’’ dell’architettura armena religiosa

Colazione/Pranzo/ – /
Oggi scopriremo i vari paesaggi e siti storici dell’Armenia. Partenza verso la regione di Kotayk. Sulla strada la visita di “Arco di Ciarents” il promontorio ove il grande poeta armeno Yeghishe Ciarents amava venire a contemplare il monte Ararat che si svela in tutto il suo splendore da questo piccolo arco eretto in sua memoria. Visita del “tempio del sole” di Garni (III° secolo a.C.), gioello dell’architettura armena precristiana, l’unico monumento che appartiene alla cultura ellenistica e si conservò dopo la cristianizzazione in Armenia. La zona intorno a Garni fu abitata sin dai tempi del neolitico e gli archeologi vi trovarono iscrizioni cuneiformi urartee risalenti all’VIII° secolo a.C. Dal tempio si gode la magnifica veduta della gola, in fondo alla quale scorre il Fiume Azat. Ai lati si ergono pareti a perpendicolo, formazioni basaltiche a “canna d’organo” che si chiamano “Sinfonia delle Pietre”. Dopo la visita al tempio di Garni penetreremo al mondo della spiritualità del monastero di Ghegard. Il monastero, chiamato con il nome della lancia che trafisse il corpo di Cristo, è ubicato in un profondo canyon molto spettacolare. Per metà costruito e metà scavato nella roccia, risale secondo la tradizione al IV secolo.
Pranzo dagli abitanti, nel villaggio di Garni trovandosi presenti alla preparazione del lavash, pane nazionale che viene cotto nel forno tradizionale dalle donne del villaggio.
Dopo il pranzo partenza verso il lago di Sevan, “un pezzo di cielo caduto sulle montagne”, situato 1900 m sopra il livello del mare, uno dei più elevati laghi di acqua dolce del mondo. Le sue sponde sono state dichiarate Parco nazionale. La visita al monastero di Sevanavank che sorge in cima della penisola e gode di una stupenda veduta del lago.
Opzione facoltativa: Possibilita di gita in barca sul lago di Sevan (30 minuti) ad extra pagamento di 60 euro (somma totale che verrà divisa tra tutti i partecipanti del gruppo).
Pernottamento e cena libera a Yerevan.

Giorno 5Visita Facoltativa - La capitale spirituale dell’Armenia /Arti e mestieri armeni

Colazione/-/ – /
Giornata a disposizione
Per chi lo desidera, visita facoltativa (con supplemento) della città di Etchmiadzin a 20 km da Jerevan. La cattedrale d’Etchmiadzin (IV secolo) è il centro della chiesa armena-apostolica. Il nome del luogo significa “L’Unigenito è disceso” poiché, secondo la leggenda, Cristo vi apparve a San Gregorio l’Illuminatore. A Etchmiadzin batte il cuore della chiesa armena, qui risiede il “Catholicos di tutti gli armeni” e si trovano oltre alla cattedrale-residenza, alcune tra le più antiche e splendide chiese armene, quelle intitolate alle sante vergini di cui la chiesa della Santa Hripsime (618) fa parte della nostra visita a Etchmiadzine. Al rientro la visita del tempio di Zvartnots che ha crollato per un terremoto avvenuto tra il 930 e il 1000, il sito oggi ridotto in rovina, forma una collina di ruderi inesplorati. Una lunga campagna di scavi condotta tra il 1900 e il 1907 ha rivelato la consistenza completa e la grande importanza archeologica e architettonica del complesso. Il tempio si distingue per la profusione di scolture e altorilievi di cui si può ancora ammirare la ricchezza dei capitelli di stile ionico. I passaggi ad arco sono ornati di viti e melograni stilizzati. Il pomeriggio visita del Vernissage – mercato all’aria aperta che dà riparo ai pittori dell’Armenia, accoglie più di mille spettatori che ammirano l’abbondanza dei quadri, si sorprendono della raffinatezza dello stile e della fantasia degli artigiani dell’arte e dell’artigianato nazionale. Gli artigiani creano sfidando la pietra, il metallo, il legno, l’argilla, il colore e la forma. Pranzo in un locale tipico ad Edjmiatsin.
Rientro a Yerevan. Cena libera. Pernottamento.

Giorno 6Visita Facoltativa - Sulle pendici del monte Aragats

Colazione/ -/ – /
Giornata a disposizione
Per chi lo desidera, escursione facoltativa (con supplemento) alla volta della regione di Aragatsotn, situato sulle pendici del monte di Aragats, apice più alto dell’Armenia attuale (4.095m). Visita della fortezza di Amberd che si staglia contro uno scenario roccioso di fronte alla vallata di Ararat, a 2300 metri sul livello del mare e che fu distrutta ad opere delle truppe di Tamerlano nel XIV secolo. Si prosegue la strada verso il monastero di Hovhannavanq (monastero di San Giovanni Battista) e quello di Saghmosavanq (monastero dei salmi).
Rientro a Yerevan, cena libera, pernottamento.

Giorno 7Yerevan/Italia

Check-out. Trasferimento in aeroporto. Partenza.

Mappa

Foto