Login

Sign Up

After creating an account, you'll be able to track your payment status, track the confirmation and you can also rate the tour after you finished the tour.
Username*
Password*
Confirm Password*
First Name*
Last Name*
Email*
Phone*
Country*
* Creating an account means you're okay with our Terms of Service and Privacy Statement.

Already a member?

Login

Login

Sign Up

After creating an account, you'll be able to track your payment status, track the confirmation and you can also rate the tour after you finished the tour.
Username*
Password*
Confirm Password*
First Name*
Last Name*
Email*
Phone*
Country*
* Creating an account means you're okay with our Terms of Service and Privacy Statement.

Already a member?

Login

UZBEKISTAN – Un viaggio nel cuore dell’Asia centrale

0
Tutti i voli compresi
Da€1,690
Tutti i voli compresi
Da€1,690
Nome*
Email*
Messaggio*
Lista desideri

Adding item to wishlist requires an account

592

Perché prenotare con noi?

Hai qualche domanda?

Non esitate a chiamarci. Siamo un team di esperti e siamo felici di parlare con voi.

+39 06.98382722

info@quattrovacanze.it

8 giorni
Disponibilità: da Aprile ad Ottobre
Roma e Milano
Uzbekistan
Min Age : 7

“Mitan – Il Progetto del Turismo Responsabile”

Dettagli del tour

 

La Via della Seta  e il suo patrimonio storico e architettonico
La prima ragione per fare un viaggio in Uzbekistan è la famosa Via della Seta. Basta il nome per evocare emozioni straordinarie , un sacco di autenticità, gli odori di spezie, carovane  e far viaggiare l’immaginazione su sconfinati scenari naturali. La Via della Seta è quell’insieme di percorsi carovanieri e rotte commerciali che congiungeva l’Asia Orientale, e in particolare la Cina, al Vicino Oriente e al bacino del Mediterraneo … Piastrelle di maiolica blu ed oro di Grande Triangolo dell’Oriente: Samarcanda, Bukhara e Khiva elencati come Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco e famose per tutto il mondo  con  suoi edifici splendidi, con l’ architettura musulmana.
 
Incontri autentici e la famosa ospitalità uzbeka
L’Uzbekistan di oggi e’  una meta autentica, naturale, ancora sconosciuta dai visitatori stranieri.
E ‘un paese ospitale, perché gli uzbeki sono lieti di accogliere nuovi amici stranieri da lontano e quindi offrono la migliore destinazione con facilità.
                                                                       
La diversità del paesaggio
La ricchezza e diversità del paesaggio dell’Uzbekistan (valli, steppe, montagne) offre molte attività diverse: luoghi da visitare, luoghi da scoprire, corsi sportivi ed escursioni a piedi attraverso un programma culturale, solidale.
  
La mescolanza  delle  culture, delle etnie e delle religioni
L’Uzbekistan si trova nel cuore dell’Asia Centrale, è un crocevia di civiltà con diversi modi di vita tra le tribù nomadi delle steppe e popolo sedentario. Il paese è anche un punto dell’incontro di tutte le principali religioni: Buddismo, Ortodossia, Islam, il tutto arricchito dall’eredita’ dello  Zoroastrismo e dello sciamanesimo che hanno contribuito alla mescolanza delle etnie, delle  tradizioni e stili di vita.
  
La sicurezza eccezionale
Non c’è nessun problema con la sicurezza in Uzbekistan. L’aggressione non è nella cultura degli uzbeki ed è lontano dai loro pensieri.

Programma delle partenze

  • Partenze da Milano: 14/04 – 21/04 21/04 – 28/04 05/05 – 12/05 19/05 – 26/05 21/07 – 28/07 11/08 – 18/08 18/08 – 25/08 25/08 – 01/09 08/09 – 15/09 22/09 – 29/09 06/10 – 13/10 20/10 – 27/10
  • Partenze da Roma: 16/04 – 23/04 23/04 – 30/04 07/05 – 14/05 21/05 – 28/05 23/07 – 30/07 13/08 – 20/08 20/08 – 27/08 03/09 – 10/09 10/09 – 17/09 17/09 – 24/09 01/10 – 08/10 15/10 – 22/10

Partenza da

Milano e Roma

Orario di partenza

 

Operativo dei voli (Uzbekistan Airways)

MILANO

Volo diretto Milano – Urgench HY 256 Partenza: Arrivo:
Volo diretto Tashkent – Milano HY 255 Partenza: Arrivo:

 

Operativo dei voli (Uzbekistan Airways)

ROMA

Volo diretto Roma – Urgench HY 258 Partenza: Arrivo:
Volo diretto Tashkent – Roma HY 257 Partenza: Arrivo:

Il prezzo include

  • Organizzazione e direzione tecnica
  • Volo internazionale di andata e ritorno (tasse incluse), più volo interno Urgench – Bukhara (secondo la disponibilita)
  • Escursioni come da programma e guida locale parlante italiano per tutta la durata del tour;
  • La sistemazione in camera doppia con trattamento di pensione completa
  • Tutti i trasferimenti indicati nel programma;
  • Sostegno per Progetto MITAN

Non incluso

  • Bevande extra oltre all’acqua (per pranzi e cene)
  • Mance per guida, autisti ecc
  • Polizza assicurativa di viaggio medico-bagaglio;
  • Eventuali spese personali;
  • Tutto ciò non espressamente indicato ne’ “La quota comprende”.
Prezzo del viaggio

 

Il prezzo a persona a partire da, compresi tutti i voli:

  • 1.690 euro  (minimo 4 persone)

Le quote sono quindi soggette a riconferma al momento della prenotazione

Modalità di viaggio

 Chi decide di partire per un viaggio del genere oltre a divertirsi e visitare luoghi poco convenzionali è desideroso di fare un’esperienza che lo possa arricchire.

Oltre ad essere un turista sincero, il viaggiatore dovrà anche essere dotato di un certo spirito di collaborazione.

Un viaggio che consigliamo a tutti, anche a famiglie con bambini.

Informazioni utili

 

• Documentazione necessaria per l’ingresso nel Paese
Passaporto: necessario, con validità residua di non meno di tre mesi oltre la scadenza del visto.  In ogni caso si consiglia sempre di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o i Consolati del Paese presente in Italia e/o presso il proprio Agente di viaggio.
Il rilascio del visto di gruppo è previsto a partire da un minimo di 5 turisti e la validità del visto per turismo è sempre e comunque pari ad un minimo di 30 giorni.

Viaggi all’estero dei minori: si prega di consultare l’Approfondimento “Prima di partire/ documenti per viaggi all’estero di minori

Visto d’ingresso:  Dal 1 febbraio 2019 i cittadini italiani potranno entrare in Uzbekistan senza visto per permanenze inferiori a 30 giorni.
Per i viaggi effettuati con ingresso in Uzbekistan prima di tale data la situazione rimane invariata. Il visto resta necessario ed è da richiedersi – almeno 15 gg. prima della partenza – presso l’Ambasciata dell’Uzbekistan a Roma oppure tramite il portale https://e-visa.gov.uz/main  (visto elettronico per motivi di turismo).
I  cittadini italiani in transito in Uzbekistan verso altre destinazioni e che rimangano nel Paese per massimo cinque giorni possono essere esentati dall’obbligo di visto di transito. A tale scopo occorre, al momento del check-in, informare la propria compagnia aerea di voler richiedere l’esenzione e essere in possesso del biglietto per il Paese di destinazione finale. La compagnia aerea comunicherà preventivamente al servizio di frontiera dell’Uzbekistan i nominativi dei passeggeri in transito. 
Si raccomanda di controllare il visto ottenuto in quanto il numero dei giorni per i quali viene consentito il soggiorno nel Paese può non essere uguale al periodo di validità del visto (il numero dei giorni può essere inferiore all’arco temporale di durata del permesso; in questo caso sarà consentita una permanenza pari al numero dei giorni indicati da utilizzarsi nel corso del periodo di validità riportato sul visto).
A coloro che sono in possesso di un visto di tipo “T” (vedi indicazione “Turi/Type” – generalmente ottenuto attraverso agenzie turistiche) non è permesso, per l’intera durata del soggiorno, soggiornare da privati ma solamente in strutture alberghiere.

 

Le cupole blu delle moschee e madrase, i minareti finemente scolpiti, che salgono al cielo.

Uzbekistan vi invita a scoprire le sue bellezze di archittetura e farvi conoscere con le

sue antiche tradizioni che risalgono all’alba dei tempi.

Questo è un luogo ideale per immergersi in un altro mondo diverso da qualsiasi cosa che avete visto nel passato…

 

Punti di forza:

  • Uzbekistan con il suo patrimonio architettonico e culturale, radicato nelle sue

tradizioni dai tempi dei primi grandi conquistatori dell’Asia Centrale.

  • Piastrelle di maiolica blu ed oro di Grande Triangolo dell’Oriente: Samarcanda,

Bukhara e Khiva.

  • La scoperta della citta’ verde o la citta’ natale di Tamerlano, incontro con il popolo

sincero ed aperto.

  • La possibilita’ di vedere il deserto Kizil Kum “le sabbie rosse” e il fiume piu’ antico e piu’ grande dell’Asia Centrale il fiume di Amu Darya

 

 

Itinerario di viaggio

Giorno 1Italia – Urgench (volo)

Arrivo in aeroporto. Disbrigo delle formalita’ d’imbarco e partenza con il volo della compagnia aerea Uzbekistan Airways.
Pernottamento a bordo

Giorno 2 Urgench – Khiva

Arrivo a Urgench. Operazioni doganali, incontro con l’autista e con la guida per trasferimento a Khiva . Arrivo a Khiva e sistemazione in hotel
Prima colazione in hotel
Intera giornata dedicata alla visita della citta’ di Khiva. Khiva e’ nota come la citta’-museo a cielo aperto. Questa citta’ esiste da circa 900 anni, ma il suo sviluppo e’ avvenuto solo nel XIX secolo, quando e’ stata l’ultimo centro del commercio degli schiavi. L’escursione comincia con la visita della cittadella Ichan Kala « La fortezza interna » di Khiva. Il compatto e affascinante centro storico, e’ ben conservato con monumenti del XVII-XIX secolo: il complesso “Kunya Ark” con l’harem e le vecchie prigioni; la Scuola Coranica di Amin Khan, la bellissima Moschea di Juma che fu costruita nel X secolo e che e’ stata restaurata nel XVIII secolo.
Pranzo in un ristorante
Continuazione della visita al Tosh Khovli « Il palazzo di Pietra » costruito come splendida alternativa alla Kunya Ark, consiste in alcune costruzioni intorno ad un cortile circondato da un alto muro. Visita della Madrassa di Kuli Khan, del bazar e del caravanserraglio.
Cena in un ristorante tradizionale Pernottamento in hotel.

Giorno 3Khiva – Bukhara (450 km)

Colazione in hotel.
NOTA BENE: Secondo la disponibilita del volo Urgench – Bukhara la tratta sar{ effettuata in aereo oppure via terra. Quindi il volo Urgench – Bukhara e` il soggetto da chiarire
Programma Khiva – Bukhara via terra: Partenza per Bukhara (450 km). L’itinerario si noda attraverso il fiume Amu-Darya e il deserto Rosso (Kyzilkum). In Uzbekistan ci sono due grandi fiumi: l’ Amu-Darya nell’antichit{ classica era conosciuto con il nome greco nell’antichita’ Oxus e il Syr-Darya, conosciuto dai greci come Jaxartes o Yaxartes. L’ Amu-Darya scorre attraverso il Turkmenistan da sud a nord, passando Turkmenabad e segnando il confine tra Turkmenistan ed Uzbekistan a Khalkabad. Il deserto del Kizilkum (anche Kyzyl Kum e Qyzylqum) è un ampio deserto che si estende tra Kazakistan e Uzbekistan, in Asia Centrale. Il suo nome significa “le sabbie rosse”. Il territorio è costituito per la maggior parte da una piana coperta di dune sabbiose. Il principale centro abitato della regione è Bukhara. Importanti per l’economia sono i giacimenti minerari, in particolare oro, uranio, alluminio, rame, argento, petrolio e gas naturale.
Una sosta per pranzare in una chayhana
Nel tardi pomeriggio arrivo a Bukhara e sistemazione in hotel. Cena in un ristorante
Pernottamento in hotel.

Programma Khiva – Bukhara in aereo: Dopo colazione l’scursione nel deserto nella regione di Karakalpakstan per la visita ai resti di due siti della cultura di Khorezm: la fortezza di Ayaz kala, risalente al VII secolo a.C. e la citt{ di Toprak Kala, l’insediamento più importante della zona nel quale sono stati rinvenuti canopi funerari del cultura zoroastriana. Nel pomeriggio ritorno a Urgench e partenza con volo per Bukhara.
Arrivo a Bukhara e sistemazione in hotel. Cena in un ristorante
Pernottamento in hotel.

Giorno 4Bukhara

Prima colazione in hotel
Visita della citta’di Bukhara. È una delle più antiche citt{ del mondo, testimonianze datano la sua la fondazione a oltre 2.500 anni. Bukhara per 200 anni fu il centro del Islamico da

cui delle avovane ; e fiorì come centro commerciale e scientifico dell’Asia Centrale. Durante l’invasione degli mongoli nel 1219, la citta’ fu distrutta. Oggi Bukhara è uno dei maggiori centri industriali e economici ; e’ la citt{ maggiore dell’Asia Centrale.
La visita nella piazza Lyabi-Hauz è la piazza principale costruita attorno ad una vasca nel 1620. Nel XX secolo nel giardino davanti alla madrassa trovò posto il monumento del leggendario personaggio popolare Khodja Nasreddin. A est della statua vi è la Madrasa di Nodir Devan Beghi (1622), costruita inizialmente come caravanserraglio, ma poi diventata come madrasa. A nord vi è la madrasa Kukeldash (1568-1569)- è il più antico e grande complesso di Lyabi Hauz. Oggi a Bukhara si trova una delle più antiche moschea dell’Asia Centrale – La moschea Magoki-Attari (10°- 12°-16° sec.).

Pranzo in ristorante
Nel pomeriggio proseguimento della visita. Il simbolo principale e punto di riferimento della citt{ è il Minareto Kalyan « il minareto grande », alto 47 m. Vicino al Minareto Kalyan si trova la Moschea Kalyan, collegata al minareto da un piccolo ponte. Proseguimento nella cittadella dell’Ark (XVIII-XIX secolo), una citt{ regale, centro dell’ organizzazione statale di Bukhara. Accanto alla vasca di fronte all’ingresso dell’ Ark sorge la moschea Bolo-khauz (1712) – luogo di culto ufficiale dell’ emiro, luogo di una bellezza speciale. Il mausoleo dei Samanidi (X secolo) fu costruito nel periodo di Ismail Samani (892-907) e divenne sepolcro famigliare dei Samanidi.

Cena in un ristorante tradizionale Pernottamento in hotel

Giorno 5Bukhara – Mitan – Samarcanda (288 km)

La prima colazione in hotel
Partenza per il villaggio di Mitan è un piccolo villaggio situato nel vasto e splendido regione di Samarcanda, 60 km a nord-ovest della famosa oasi.

Nel pomeriggio arrivo nel villaggio Mitan. Pranzo in un famiglia di villaggio di Mitan.

Una passeggiata nel villaggio le visite e gli incontri delle famiglie uzbeke.
La possibilita’ di osservare la preparazione dei bitchak una pasta ripiena di verdure e che cucina nel forno di argilla “tandyr” .

Arrivo a Samarcanda e sistemazione in hotel Cena in un ristorante
Pernottamento in hotel

Giorno 6Samarcanda

Colazione in hotel.
Giornata dedicata all’ escursione per la citt{. Scoprite la capitale dell’empero di Tamerlano con la sua storia di venticinque secoli. Samarcanda è una vera e propria “soglia del paradiso”. Visita al mausoleo Gur-Emir (XV secolo) – che significa “la tomba dell’ Emiro” – è posto dove è sepolto Tamerlano e i suoi seguaci. Il mausoleo fù costruito per ordine di Tamerlano per suo nipote Mukhammad Sultan, morto nel 1403.
La piazza Registan è il simbolo di Samarcanda (XV-XVII secolo) e che circondata dalle meravegliose madarase di Ulugbek, Sher Dor e Tilla – Kari, decorate con l’abbagliante maiolica, la testimonianza dell’evoluzione dell’architettura dei Temuridi.Inoltre la visita nella moschea di Bibi-Khanim (XV secolo) rappresenta una gigantesca architettura. Era la più grande moschea della sua epocha nell’Asia Centrale. Vicino alla moschea si trova il bazar orientale Siab e’ laparte piu’ viva e piu’ colorata.
Pranzo in un ristorante
Dopo pranzo la visita nel complesso Shakhi-Zinda e’ un gioiello di architettura del XIV-XV di Samarcanda, unico nel suo genere, dove si possono trovare tutti i processi artistici della decorazione islamica.
Cena in un ristorante tradizionale Pernottamento in hotel.

Giorno 7Samarcanda – Tashkent (320 km)

Prima colazione in hotel
Proseuendo verso nord si raggiungono i resti dell’Osservatorio di Ulugbek , una fra le grandi scoperte archeologiche del XX secolo. Inoltre la visita del mausoleo di San Daniar
,luogo piu’ suggestivo per tutti i credenti e si visit ail Museo di Afrosiab Pranzo in un ristorante
Trasferimento a Tashkent in pullman
Nel tardi pomeriggio arrivo a Tashkent e sistemazione in hotel

Tempo a disposizione Cena in un ristorante Pernottamento in hotel

Giorno 8Tashkent – Italia (volo)

Prima colazione in hotel
La madrassa di Kukeldash è una splendida scuola coranica del XVI secolo, la cui piazza si riempie di fedeli al venerdì in occasione della preghiera settimanale; nelle vicinanze sorge la piccola moschea Jami, risalente al XV secolo e utilizzata in epoca sovietica come officina per la lavorazione di lamiere. Il bazar Chorsu è un enorme mercato all’aperto.
Visita della complesso Khast Imam, di particolare interesse è la Moschea Tillya Sheykh, del XVI secolo, in cui si conserva quello che è ritenuto il più antico Corano esistente, segnato col sangue dello stesso Califfo Osman, assassinato nel 655; la madrassa Barak Khan, fondata nel XVI sec. da un discendente di Tamerlano; il mausoleo Kafal Shashi, tomba dell’omonimo poeta e filosofo dell’islam che visse dal 904 al 979.
La visita continua con la piazza dell’ Indipendenza. Check out dalle 12:00
Pranzo in un ristorante
Dopo pranzo il trasferimento in aeroporto in tempo utile per le pratiche d’imbarco del volo di Uzbekistan Airways.

Mappa

Foto